Loading...

Il miglior regalo per i tuoi clienti? Credit check convenienti e tempestivi!

articolo di Cristina Iacob, Strategy Manager Director, Experian Italy, Balkans, ME &Turkey 

Sono numerosi i retailer che si affidano al Black Friday per chiudere l’anno in positivo. Ma poiché gli acquisti natalizi dell’ultimo minuto sono quelli che fanno la differenza, solo i prestatori di maggior successo saranno in grado di adattarsi a richieste di credito sempre più a breve termine da parte dei consumatori.

Per molti, la data del Black Friday cade semplicemente troppo presto per pianificare gli acquisti. Infatti, il 60% degli europei che spende per i regali di Natale lo fa dopo il 15 dicembre.

E nonostante l’attenzione che i media dedicano a Black Friday e Cyber Monday, il volume delle vendite nei 24 giorni che precedono il Natale nella regione EMEA supera di gran lunga il valore combinato di queste due giornate.

A differenza di quanto si pensi, i retailer tipicamente vedono un calo delle vendite nel weekend del Black Friday e poi un balzo in quello che precede il Natale: l’ultimo sabato prima del 25 dicembre è oggi la giornata che registra il maggior numero di acquisti dell’anno, con aperture prolungate dei negozi e spedizioni urgenti che persuadono i clienti a fare le shopping dell’ultima ora.

Con un rush finale che si concentra nei pochi giorni che precedono il Natale, i consumatori necessitano sempre più di un accesso rapido al credito in questo periodo cruciale dell’anno.

L’avvento dell’Open Banking soddisferà questa esigenza rivoluzionando velocità e scala delle richieste di credito regalando al settore dei servizi finanziari opportunità di business strategiche, tra cui valutazioni di solvibilità quasi istantanee e decisioni più accurate del 40%.

La maggior parte delle imprese ritiene che il proprio successo dipenderà da agilità e velocità, e l’Open Banking va a soddisfare proprio questa esigenza. Grazie a maggiori informazioni e set di dati, una valutazione del rischio pressoché immediata riduce i tempi delle decisioni di credito da mesi a pochi giorni, risultando nell’erogazione di un prestito a utenti e PMI in pochi minuti.

In Europa, la direttiva PSD2 (Payment Services Directive) sta già portando notevoli vantaggi a entrambi consumatori e aziende: i clienti traggono beneficio da un più rapido e intelligente accesso al credito, mentre i prestatori vedono aumentare le proprie quote di mercato.

Se banche, prestatori e istituzioni commerciali sapranno essere sufficientemente agili per approfittare dell’era dei dati open banking, potranno prendere le giuste decisioni di credito con gli strumenti e gli insight più adeguati in un lasso di tempo che si comprime sempre più ed è promettente vedere che il 65% delle aziende la considera una opportunità.