Loading...

 Open banking, un anno dopo. Come cambia l’Italia del credito

articolo di Cristina Iacob, Commercial Strategy Director, Experian 

Sono passati 12 mesi dal lancio ufficiale dell’Open Banking in Italia. Cristina Iacob di Experian ne prende in esame i progressi, le sfide e le opportunità

Chi opera nel settore bancario ha la situazione ormai ben chiara. Da un anno, con l’introduzione dell’Open Banking stiamo vivendo una vera e propria rivoluzione. Lo scorso settembre, le banche hanno dovuto rendere disponibili le proprie API a sviluppatori terzi, elemento questo imprescindibile per la reale interoperatività, uno degli obiettivi ultimi di questa evoluzione.

Alla base dell’open banking c’è proprio il desiderio di aprire il mercato a tutto vantaggio dei consumatori. Se il mercato finance ha visto tradizionalmente la presenza di un numero ristretto di attori, le banche, chiamate a offrire i loro servizi ai clienti, la richiesta di condividere le proprie API va potenzialmente a creare uno scenario del tutto differente, dove alle banche tradizionali si affiancano le società del fintech ma anche tutte le realtà tech che dispongono del know-how necessario per offrire servizi finanziari. Questo significa un forte impulso alla concorrenza, oltre alla possibilità per i consumatori di trovarsi in una posizione di maggior equilibrio, se non di vantaggio, rispetto ai loro fornitori di servizi.

Il processo non è né semplice né immediato, ovviamente. Ma è solo questione di tempo, lo dimostrano i fatti. Da settembre 2019 a giugno 2020, le chiamate API in Italia sono passare in base alle statistiche rilasciate da CBI Globe, la piattaforma collaborativa di open banking alla quale ha aderito l’’80% dell’industria bancaria italiana . E lo stesso tipo di incremento si verifica nei diversi Paesi che stanno vivendo lo stesso passaggio

Una cosa è chiara però. Chi riuscirà ad adeguarsi per prima alla nuova normativa avrà un vantaggio competitivo importante. Questo vale in modo evidente per le fintech e le cosiddette banche di nuova generazione, che si trovano di fronte a un mercato molto meno rigido e con barriere all’ingresso decisamente minori rispetto al passato, in tema di compliance e infrastrutture. Ma anche per le banche tradizionali questa evoluzione potrebbe rivelarsi un vantaggio, purché intraprendano un cammino di innovazione e trasparenza, nell’ottica di rispondere in modo sempre più efficace alle aspettative dei consumatori. Che si evolvono insieme al mondo intorno a loro: il 37% dei consumatori europei si è detto disposto a cambiare banca se la propria non è in grado di offrire servizi tecnologici aggiornati. Una recente indagine condotta da ha evidenziato come in Italia, il 63,3% dei player indica l’open banking come un’opportunità per la propria azienda a fronte di una media europea del 58,6%.

Le banche tradizionali possono sviluppare in casa competenze avanzate per rispondere con i fatti a questa evoluzione. Oppure cercare queste stesse competenze sul mercato, sotto forma di acquisizione o di partnership con realtà specializzate, che possono dare loro l’agilità necessaria a competere. E non è solo questione di tecnologia, quello che davvero deve cambiare – e per certi versi sta cambiando – è l’approccio verso il cliente, non più visto solo come un ricettore di servizi, ma come un corrispondente, paritetico o quasi, da ascoltare, servire e supportare in modo sempre più dinamico. Non a caso, in particolare in Italia, le aziende finanziarie sembrano puntare soprattutto sul miglioramento della customer experience ed in dettaglio ai servizi di gestione finanziaria (53,3%), seguiti a ruota da quelli di Payment Initiation (50%) – secondo una recente ricerca di Tink.

Un elemento da considerare però è che l’open banking può essere visto come un passaggio verso uno scenario più ampio, definibile come open finance, ovvero lo stesso livello di innovazione e apertura applicate al settore finanziario esteso, che include anche attori diversi dalle banche e dalle assicurazioni, come le grandi aziende tecnologiche, la grande distribuzione, le utility e le case automobilistiche. Di fatto le ultime iniziative che arrivano da alcune aziende del settore utility italiano sono la perfetta illustrazione di questa opportunità.  Questo perché la valutazione qualitativa dell’esperienza dei clienti in settori anche diversi da quello finanziario diventa un fattore rilevante di profilazione, per le istituzioni finanziarie ma potenzialmente per tutte le attività di business. L’uso di intelligenza artificiale e machine learning permette infatti di interpretare oggettivamente tutti i dati disponibili online da una molteplicità di fonti differenti, fornendo informazioni tempestive, rilevanti e correlate tra loro, fondamentali per ogni iniziativa di business.